Contenuto principale

Messaggio di avviso

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca Qui per ulteriori informazioni.

Martedì 22 dicembre, in occasione dei saluti e degli auguri nell'ultimo giorno di scuola, i bambini e le bambine hanno portato a scuola le loro Scatole di Natale da donare alle famiglie più bisognose grazie all'operato della Caritas. Ad accoglierli e a ringraziarli erano presenti anche l'Assessore alla Pubblica Istruzione Anna Longatti e don Giacomo. 

Ecco le parole di augurio dell'Assessore:

Cari Alunni e Insegnanti,

è con molto piacere che oggi partecipo a questo momento di saluto e di condivisione, insieme a voi.
Siamo giunti alla fine di un anno particolare, difficile per certi sensi, in cui ogni fascia di età è stata colpita dagli effetti che la situazione pandemica sta ancora riversando.
Vorrei però parlare dell’ambito scolastico, di voi. A inizio anno vi siete ritrovati costretti entro le mura domestiche, lontano dai vostri compagni, dai vostri insegnanti e da molti altri affetti; lontano da quelli che sono i vostri interessi, che vi auguro di poter coltivare sempre, lontano insomma da quella che era la vostra quotidianità. Poi a settembre la scuola è finalmente stata riaperta e tutti noi ci siamo potuti ritornare, sicuramente con modalità differenti, ma eravamo qui e credetemi: è stata una grande vittoria.


Perché la scuola non è solo un edificio costituito da mura, classi, banchi, sedie, dove nozioni prestabilite vengono erogate agli alunni nei vari ambiti scolastici; la scuola è molto, molto di più: è luogo entro il quale vi dovreste sentire al sicuro, è luogo di relazioni, di scambio, di aiuto reciproco, è luogo in cui voi possiate crescere, sperimentare, cambiare, sbagliare e infine correggervi.
Per questo motivo, anche se vi sembrerà di non potere più svolgere tutte le attività a cui eravate abituati, anche all’interno della scuola, il fatto che voi oggi siate qui è vitale per la vostra formazione e crescita.
Parlando con una vostra insegnante, mi ha detto come, mai più di quest’anno, la scuola sia diventata essenziale, con un’accezione del tutto positiva: avete più tempo per rallentare, per riflettere, per discutere tra voi, per ascoltare i vostri bisogni e quelli degli altri. Di ciò ne vedo la sintesi nel gesto nobile che oggi state compiendo: in classe, durante l’orario scolastico, di solito così affollato, avete trovato il tempo da e per donare agli altri.
Questi sono proprio i doni che vorrei questo Natale, così strano, distante, essenziale, riservi a voi e alle vostre famiglie. Vi auguro di prendervi tutto il tempo necessario, di cui prima ci sentivamo privati, per condividere con chi avrete accanto la magia di questo momento, di cui nessuno potrà mai privarci.

A nome mio e di tutta l’Amministrazione comunale di Carimate, buone feste!

L’Assessore alla Pubblica Istruzione,
Anna Longatti

Un grande ringraziamento a tutti i bambini, le bambine e le loro famiglie per la straordinaria generosità e solidarietà!