Contenuto principale

Messaggio di avviso

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca Qui per ulteriori informazioni.

Secondaria Figino

Musical

SerataAstronomica2018

Il 2-3 e 4 maggio 2018 le classi a tempo prolungato della scuola secondaria di Figino Serenza - Novedrate si sono recate nella città di Friburgo (D), meta conclusiva di un progetto che ha avuto lo scopo di studiare la relazione fra l’utilizzo delle fonti energetiche inquinanti a causa della continua richiesta di energia da parte dell’uomo e i cambiamenti climatici.

Il progetto si poneva anche l’obiettivo di comparare i diversi aspetti legati all’utilizzo delle fonti esauribili e rinnovabili. Durante il viaggio una sosta a Grosgen (CH) ha consentito di vedere da vicino la struttura e il funzionamento della centrale nucleare. Per l’occasione sono stati esposti dai tecnici i vantaggi e gli svantaggi legati all’utilizzo del combustibile tra cui il grosso problema relativo allo smaltimento delle scorie radioattive.

Nella città di Friburgo (D) invece è stato possibile osservare i metodi adottati dalle amministrazioni, a partire dagli anni ’60, atti a contenere le emissioni inquinanti nell’atmosfera e a trasformare la città in un sistema che produce più energia di quella consumata. Nel quartiere Vauban, il primo in assoluto a sperimentare soluzioni ecosostenibili, e nel quartiere Riesefeld più recente e moderno sono state realizzate abitazioni e edifici di diverso utilizzo con materiali e soluzioni a bassissimo impatto ambientale che hanno reso la città un modello da studiare. L’esperienza, estremamente positiva, ha consentito agli alunni di riflettere su come sia possibile salvaguardare l’ambiente adottando soluzioni ecologicamente sostenibili. 

albergo 1

Albergo con schermature vegetali

gosgen

Centrale nucleare di Gosgen: Reattore e torre di raffreddamento

riesefeld

Case passive nel quartiere Riesefeld

vauban

Case passive nel quartiere Vauban

Al termine del progetto del Consiglio comunale della nostra scuola, il giorno 28 aprile durante tutta la mattinata si sono svolte le elezioni del sindaco dei ragazzi: con la supervisione di alcuni consiglieri dei comuni di Figino e di Novedrate e con l’aiuto di alcuni scrutatori scelti dalle classi, tutti gli studenti hanno partecipato alle votazioni.

Cinque sono state le liste di candidati presentate durante la settimana precedente di campagna elettorale: ciascuna di esse aveva il compito di presentare le proprie proposte per tre ambiti di lavoro, ambiente, scuola e sport. Le idee sono state molto interessanti: dall’organizzazione di tornei di sport vari alla sistemazione dei campi esterni e del materiale della palestra; da progetti interculturali con scuole straniere alla sistemazione della biblioteca scolastica e alla dedicazione della nostra scuola; dall’organizzazione di una giornata per l’ambiente al privilegiare nella mensa scolastica i prodotti del territorio.

A seguito delle votazioni, alle ore 12.30 è stato nominato sindaco dei ragazzi Tommaso Mascheroni, della classe seconda A, della lista “School boys”, insieme ai suoi consiglieri Desirée Ambrosino, Erca Laudani, Andrea Radice, Fabio Ennaji, Alex Scotti ed Emanuele Parisi. Completano il consiglio comunale dei ragazzi i quattro candidati sindaci delle altre liste, Martina Nadile, Maddalena Molteni, Matteo Marelli e Ludovica Damonti.

Un ringraziamento speciale al consiglio uscente e al sindaco Giulia Ballabio!

All’inizio del prossimo anno scolastico, si svolgerà la cerimonia ufficiale di insediamento. A tutti, buon lavoro!

Elezioni Consiglio

Elezioni Consiglio 2

 

auditorium

Lo scorso venerdì 27 aprile, le classi seconde della nostra scuola media di Figino e Novedrate hanno effettuato un’uscita didattica presso l’Auditorium di Milano: hanno assistito alla prova generale di un concerto sinfonico. Il programma prevedeva l’esecuzione della famosissima VI Sinfonia di Beethoven, a tutti nota come Sinfonia Pastorale e di un brano meno conosciuto del grande musicista americano Leonard Bernstein, la seconda Sinfonia dal titolo “The age of anxiety”: un brano musicale con un’orchestra molto numerosa e con ogni tipo di strumento, dagli archi alle arpe, da ogni tipo di fiato a un nutrito gruppo di percussioni e con il pianoforte solista. È stata un’occasione davvero unica di vedere all’opera un’orchestra di tali dimensioni e soprattutto di assistere al lavoro del direttore, il cui compito è non solo quello di coordinare tutti gli strumenti ma soprattutto di dare un’interpretazione personale a quei segni musicali scritti sulla partitura che altrimenti non potrebbero avere vita. Per i nostri ragazzi è stata un’uscita didattica che ha reso concreto il lavoro che stanno svolgendo in classe sulle formazioni strumentali e sul direttore d’orchestra e anche una visita in una delle sale da concerto più suggestive di Milano, costruita circa 20 anni fa secondo innovativi criteri di ingegneria acustica e di tecnica del suono.